28 febbraio 2010

Italiani all'estero: I brogli elettorali del PD in Australia

La raccolta delle schede avveniva alla luce del sole: "Al ristorante La Porchetta di Carlton, quando ci hanno chiesto le buste, c'era il comitato intero dell'associazione, se ne è parlato davanti a tutti quanti, c'erano Vince Pitoggi, Sai Marrocco, Paolo Sepe...", ricorda Attilio Riccardi, presidente dell'Associazione Laziali nel Mondo del Vittoria, che parla di "mille voti mandati a Sydney in aereo".



Dopo lo scandalo che ha investito il senatore Nicola Di Girolamo, una denuncia che arriva dall'Australia getta nuove ombre sul sistema elettorale che consente dal 2006 agli italiani residenti all'estero di votare per la Camera e il Senato. E' quanto rivela Paolo Viana in un servizio pubblicato sul quotidiano Avvenire. Nel video, postato qui sopra, i responsabili di alcune associazioni che riuniscono i laziali residenti nello stato di Victoria rivelano di aver partecipato a brogli estesi e ripetuti nel tempo. Affermano di aver raccolto, sia nel 2006 sia nel 2008, pacchi di schede elettorali e di averle consegnate ad emissari di due candidati del Partito Democratico nella circoscrizione Africa-Asia-Oceania-Antartide, Marco Fedi, eletto alla Camera, e Nino Randazzo, eletto al Senato. I testimoni raccontano, di voti ceduti in cambio di viaggi in Italia, finanziati dalla Regione Lazio, e di non meglio precisati 'favori' ai club che hanno raccolto le schede elettorali; spiegano come abbiano convinto i loro connazionali a consegnare le schede che ciascun elettore iscritto al registro degli italiani residenti all'estero avrebbe dovuto compilare 'personalmente e segretamente', prima di rispedirle in busta chiusa; citano luoghi e momenti in cui sarebbe avvenuta la consegna; descrivono dove e come la catena di montaggio le avrebbe compilate.
Pazzesco!!!

Leggi l'articolo

Terremoto in Cile: Il momento della scossa





27 febbraio 2010

A proposito degli Orangutan

La parola Orangutan viene dal malese Orang che significa uomo e Hutan che signifia foresta. L'uomo della foresta.
Il mio lavoro mi porta ad esplorare le foreste del mondo. Quando vado a Borneo, sono sempre molto felice, perche' so che avro' l'occasione di vedere gli Oranghi, la scimmia ominide che piu' ci assomiglia....e mi diverto sempre a giocare con loro.
Non come quando mi tocca andare in Africa e mi ritrovo con un mandrillo a pochi metri...Per fortuna che li sono armato.
Anyway, bellissimo video sotto.



Thanks Dana for the link

Blonde joke

On their honeymoon, the blonde bride slipped into a sexy nightie and with great anticipation, crawled into bed, only to find that her new Catholic husband had settled down on the couch.

When she asked him why he was apparently not going to make love to her, he replied, "Can't, it's Lent".

In tears, she remarked, "Well, that is the most ridiculous thing I have ever heard! Who did you lend it to, and for how long?"

H/T:Bob

Sfiorata la tragedia a Caselle



Un Boeing 757 della compagnia Thomas Cook con 231 passeggeri ha dovuto fare un atterraggio di emergenza subito dopo il decollo quando i piloti si sono accorti che l’aereo stava perdendo centinaia di galloni di cherosene dall' ala destra.
La notizia

Redneck word for today: Obama

Aia!!! Questo fa male....


Mostruoso terremoto in Cile

Terremoto di magnitudo 8,8 sulla scala Richter in Cile. Santiago nel buio.
La scossa e' stata sentita fino in Argentina!
8.8?
I dettagli U.S. Geological Survey
Tsunami Warning
La notizia

Rio de Janeiro, città olimpica


L'articolo.

Sotto il burqa.....

Falta la luz mentre el tirano venezolano insulta a Bush...


Ya fusilaron al responsable!
Pobre venezuela... Bienevenido al socialismo de Chavez!

26 febbraio 2010

Gli ultimi 4 minuti del volo AF 447


Semplicemente agghiacciante.
Leggi l'articolo

Silvio perseguitato, ma nessuno paga

Annullata la condanna a Mills: reato prescritto. Il processo che ha danneggiato l’immagine di Berlusconi e influito sulla vittoria di Prodi nel 2006 non si doveva fare. Il Cav. e gli italiani dovrebbero essere risarciti.
Leggi l'articolo

Oooooooops ho dimenticato una cosa, torno subito....

Riscaldamento Globale: Texas ieri sera!

video

Nasce su Facebook il gruppo:" Ho anch'io fatto parte del commando killer di Dubai"


Depressi perche' non siete tra le milioni di persone nel mondo che lavorano per il Mossad? (come ci vogliono fare credere i mass media..)
Tristi perche' il capo della polizia di Dubai non vi ha personalmente accusato di essere l'assassino?
Ecco un ottima occasione per voi.
Join NOW!

Hummer: E' finito

Terminata la produzione dopo che fallisce l'accordo con i cinesi...
Peccato!

Aboliamo la lettura di Dante a scuola!

Leggo di questa petizione su L'Occidentale: .... Un numero crescente di cittadini italiani di religione islamica, insieme all’Associazione tosco-emiliana per la difesa delle tradizioni cittadine e alla Federazione GGR (Gruppi Gay Riuniti) chiede di espungere la ‘Divina Commedia’ – un poema, oltretutto, scritto in una lingua non più comprensibile dalle nuove generazioni – dai programmi d’insegnamento di ogni ordine di scuole.

Gulp! Gasp! Siamo gia' al primo d'aprile?
via Giova and Nessie

25 febbraio 2010

Toyota Hearing

Mossad Dubai job video.

Il video completo dell'operazione "elimina un terrorista".
Trust the Mossad to do the job! well done. One less scum alive.
Let's move on.

Ridiamo un po'...

Berlusconi e il Papa stanno camminando lungo un fiume quando al Papa cade la Bibbia in acqua. Berlusconi si avvicina alle acque e, camminando sulla superficie senza affondare, la recupera. Il giorno dopo la Repubblica titola: "Berlusconi non sa nuotare!".

Cosa fanno due leghisti e un terrone dentro una vasca da bagno? I leghisti fanno il bagno, il terrone fa i fanghi!

Piu' stanno a sinistra, piu' abitano in Centro!

Il capitalismo e' una ingiusta ripartizione della ricchezza. Il comunismo invece e' un'equa ripartizione della miseria.

Datemi un politico onesto e vi portero' una prostituta vergine.

Un tizio arriva con la macchina, abbastanza scassata, a dire il vero, davanti a Montecitorio, e posteggia proprio in mezzo alla strada. Un vigile gli si avvicina e gli dice: "Ma cosa fa? Non si puo` parcheggiare qua!". "Perche`?". "Come perche`?". "Perche` qui ci passano Ministri, Deputati, Senatori... ". E il tizio: "E che mi frega? Tanto io c'ho l'antifurto!!! ".

Colmo per uno di Rifondazione Comunista: farselo tagliare dalla moglie con la falce e sentirselo spingere in culo col martello!

Epifani non parlera' piu' ai metalmeccanici perche' gli tirano i bulloni. Parlera' ai falegnami perche' gli tirano le seghe...

E per finire una stupenda, che potrebbe ancora essere di attualita' oggi....
Scatta l'ora legale. Panico nel PSI.

Soldato idiota


Nuove generazioni...




Crisi Falkland: L'Argentina chiede all'ONU di mediare

E gli Stati Uniti rifutano di appoggiare la Gran Bretagna....

Meanwhile Britain's note to Argentina: "Say hello to our little friend..."



Il "cimitero degli aerei" Tucson, Arizona

Un video per alcuni italiani residenti all'estero che...

E' semplicemente allucinante quello che si legge in questi ultimi giorni, sullo scandalo Di Girolamo sopratutto negli ambienti della diaspora italiana...
Un po' di dignita'!



Tremaglia: Nicola Di Girolamo? Mai stato Senatore

Di fronte ai fatti gravissimi di oggi che colpiscono penalmente Nicola Di Girolamo, Mirko Tremaglia e il CTIM – Comitato Tricolore per gli Italiani nel mondo - chiedono che il Senato venga chiamato immediatamente ad esaminare la decisione del 20 ottobre 2008 della Giunta delle Elezioni del Senato che approvava la proposta di annullamento dell’elezione del Senatore Nicola Di Girolamo e che nella seduta del 29 gennaio 2009 il Senato stesso aveva sospeso.
Nicola Di Girolamo ha falsamente rappresentato la sua residenza in Belgio, ingannando nelle elezioni decine di migliaia di elettori, come è apparso inequivocabilmente davanti alla Giunta delle Elezioni del Senato che in data 20 ottobre 2008 ha ordinato l’annullamento della sua elezione, rispettando così la nostra Costituzione.
L’intera vicenda della elezione al Senato di Nicola Di Girolamo costituisce un vulnus che colpisce la legalità e la costruzione istituzionale per la quale si è lottato 40 anni in nome degli Italiani residenti all’estero. La scelta di riservare loro il diritto di elettorato sia attivo che passivo è stata ampiamente valutata e condivisa dalla maggioranza del Parlamento ed è stata garantita dai nuovi articolo della Costituzione.
Ricordiamo che Nicola Di Girolamo è stato bocciato come Senatore: non è mai stato Senatore.
La decisione della Giunta delle Elezioni del Senato doveva essere confermata o respinta. Invece, con un espediente procedurale, non venne ne approvata ne respinta, ma venne sospesa.
In tal modo il Di Girolamo usurpò il titolo e le funzioni di Senatore. Per essere ancora più chiari: non essendo mai stato dichiarato Senatore usurpò lo stipendio mensile di Senatore.
Vi è evidentemente una questione costituzionale - già sollevata dall’Avv. Raffaele Fantetti, che è il primo dei non eletti - che io riprenderò nella sede competente.
Le gravissime accuse di oggi denunciano lo scandaloso comportamento del Di Girolamo.
Tremaglia, già nel 2008, aveva proposto denuncia per alcuni degli stessi reati per i quali oggi si procede nei confronti del Di Girolamo.
On. Mirko Tremaglia

24 febbraio 2010

This November, vote Republican

Great ad.

Ancora sulla tempesta


Vale forse la pena di riprendere l’argomento della grave crisi che attanaglia praticamente tutti i paesi sviluppati, e per contagio anche buona parte di quelli sottosviluppati od in via di sviluppo, per azzardare qualche considerazione sulle possibilità di ripresa dell’economia.
La classica ricetta keynesiana per l’uscita dalle crisi economiche prevedeva l’avvio di un massiccio programma di investimenti pubblici a carattere infrastrutturale che, attraverso l’immissione nel sistema di importanti capitali, consentisse da un lato la creazione di nuovi posti di lavoro e dall’altro la realizzazione di opere che, per loro stessa natura, favorissero il successivo sviluppo del paese. Per inciso va notato che l’enorme dimensione dell’intervento pubblico degli scorsi anni per sanare la situazione finanziaria di banche ed altre istituzioni non ha avuto alcun impatto sull’occupazione, se non quello di evitare un ulteriore aggravamento della disoccupazione.
Per riprendere il concetto keynesiano va osservato che l’adozione di un eventuale programma di massicci investimenti pubblici presenta, al momento attuale, alcuni gravissimi problemi di difficile soluzione.
Innanzi tutto va rilevato che qualunque programma di questo tipo deve rispettare tutta una serie di norme burocratiche di garanzia che, per loro stessa natura, non ne favoriscono la rapidità e la flessibilità. Basti citare a questo proposito, per il nostro paese, che per quanto riguarda la ripresa di un programma nucleare, come previsto dal programma della coalizione di governo, a due anni dall’insediamento del nuovo governo non si sono ancora definiti neppure i criteri che dovranno essere adottati per la scelta delle localizzazioni.
Quindi è prevedibile che l’impatto, per quanto riguarda la tempestività degli interventi, sarebbe nullo o quasi, a meno che si decida di adottare improbabili procedure d’urgenza il cui principale risultato potrebbe essere quello di favorire l’arbitrio e forse anche la corruzione. Non va neppure trascurata a questo proposito la frequente ed aprioristica opposizione di enti locali ed organizzazioni pseudo ambientaliste a qualunque operazione che riguardi il territorio, si tratti di ferrovie, strade, centrali elettriche e quant’altro.
D’altra canto l’altro principale ostacolo è costituito dal finanziamento delle opere. Esse possono infatti essere finanziate o con risorse proprie del sistema pubblico o mediante il ricorso all’indebitamento. Risorse proprie in questo momento non ce ne sono davvero, come è stato mostrato in precedenza, dato il pessimo ed in qualche caso disastroso evolversi dei bilanci pubblici; né è da pensare, nell’attuale situazione, ad un aumento delle entrate fiscali, già ad un livello insostenibile in periodi normali. Illusorio anche pensare a rapidi risultati nella lotta all’evasione: le garanzie offerte da uno stato di diritto non consentono la veloce soluzione degli eventuali ricorsi dei soggetti coinvolti
Non è a più forte ragione sostenibile il ricorso all’indebitamento pubblico, che, come si è visto, è ormai quasi dappertutto giunto a livelli non compatibili con una ragionevole speranza di rimborso. Il rimborso può avvenire infatti solo in tre modi: un bilancio in attivo (chimera irraggiungibile), la cessione di cespiti di proprietà pubblica, destinandone il ricavato alla riduzione del debito, oppure attraverso l’inflazione che sostanzialmente svaluti i debiti espressi in moneta deprezzata. Comunque l’eccessivo ricorso all’indebitamento ha spesso conseguenze gravissime, come stanno a dimostrare il caso della Grecia, ed i pericoli incombenti sull’affidabilità finanziaria di Spagna, Portogallo ed Irlanda.
C’è infine da considerare un altro importante aspetto, che riguarda apparentemente solo la sfera privata, ma le cui ripercussioni sulla politica generale possono essere dirompenti. Buona parte della popolazione, trovatasi a lottare con redditi minori che in passato e soprattutto impressionata dalle cupe prospettive future, tende naturalmente a ridurre in maniera notevole l’accumulo di risparmio e soprattutto acquisisce abitudini meno dispendiose nei propri acquisti, accontentandosi di prodotti di buona qualità ma di costo inferiore. In ciò favorisce inconsciamente i consumi di beni prodotti in paesi ove il costo della manodopera è inferiore a quello dei paesi sviluppati, mettendo ulteriormente in crisi il sistema produttivo nazionale.
Appare pertanto logico, ancorché sconfortante, ritenere che la minore disponibilità di risparmio privato e la maggiore oculatezza nella spesa da parte dei consumatori, uniti agli altri fattori indicati sopra, non siano elementi atti a favorire a breve la ripresa economica, tanto spesso annunciata come imminente se non già in atto e tanto spesso smentita dai fatti.
Il Bertoldo

Richiesta d'arresto per il senatore PDL Di Girolamo

Sono due anni che questo buffone occupa illegalmente il posto da Senatore vinto da Raffaele Fantetti! Sono due anni che questo squallido individuo insulta 1.8 milioni di Italiani residenti in Europa e non solo in Europa. Sono due anni che chiediamo le sue dimissioni.
E ADESSO CHE SI DIMETTA SUBITO!

Ringraziamo per questa figuraccia alcuni senatori e specialmente quelli del Partito Democratico che bocciarono senza vergogna la richiesta sospensiva proposta dal Senatore Gasparri. E per rinfrescarvi la memoria, ecco cosa disse il senatore Sanna del Partito Democratico:

"...Per questo motivo riteniamo, signor Presidente, che la questione sospensiva - avanzata dal senatore Gasparri sulla base della motivazione che ha illustrato - sia semplicemente inammissibile, per i motivi che ho esposto... pertanto non possiamo fermarci sulla base degli argomenti addotti dal senatore Gasparri. La invito, signor Presidente, a dichiarare inammissibile la questione sospensiva."

Di fronte a prove non circostanziali ma inconfutabili, preferirono perseguire i propri interessi che quelli puri e semplici della Giustizia. Perche' pur di ottenere vittorie senza senso contro la maggioranza, sono sempre disposti a tutto in qualsiasi scontro si ponga di fronte....

H/T: Natalia

23 febbraio 2010

Io me ne vado!

E vattene!!
Se c'e' un arrogante professionale, oggi, nel giornalismo italiano, e' proprio Travaglio: la strafottenza che applica nei confronti dei suoi colleghi o di altri interlocutori e' semplicemente insopportabile. L'aria di illuminante superiorita' che libera dal suo ego non ha eguali. Mai una volta che ammetta il beneficio del dubbio sulle sue illuminate verita'. Sempre con quell'espressione perculigna stampata in faccia, sempre incurante delle ragioni altrui, troppo borioso e pieno di se' per considerare praticabile un normale contenzioso verbale... Lui parla e sparla senza tregua, come gli pare e piace, su chiunque gli passi per la testa, distribuendo condanne verbali e giuridiche come randellate democratiche. E il popolo bue che odia Berlusconi lo segue come un Vate. Sbavando e insultando. Travaglio dovrebbe fare gli straordinari notte e giorno per scrollarsi di dosso quel ghigno da onnipotente della comunicazione che porta perennemente appeso alle labbra. Se non esistesse Berlusconi, Travaglio sarebbe un opaco e stizzito giornalaio di provincia incazzato 24 ore su 24 con tutto quanto gli sta intorno.



H/T: Daw


Ok cattiva...Mi piaciono le sue canzoni...

Il bonzo finisce male..

Cosa succede quando nasce un bambino in Giappone?

La grandezza non conta

.

Energia "pulita"

Burqa firmato

Tensione tra America Latina e Gran Bretagna

Tensione tra America Latina e Gran Bretagna sulle Falkland. Tutto nasce a seguito dell'intenzione da parte dei britannici di iniziare le esplorazioni per estrarre il petrolio nei fondali circostanti le isole Falkland.
Le perforazioni, secondo il governo argentino, violerebbero la sovranita' territoriale. Poi ci si e' messo il pagliaccio venezuelano ad aumentare la temperatura.
"Look, England, how long are you going to be in Las Malvinas? Queen of England, I'm talking to you. The time for empires are over, haven't you noticed? Return the Malvinas to the Argentine people" ha dichiarato recentemente.
Chiaramente questo favorisce i regimi populisti del continente sud americano, in piena crisi. Niente di meglio che trovare una bella scusa per aizzare e distrarre le masse cretine ed ignoranti dall'incompetenza dei governanti. Sopratutto in Argentina dove la popolarita' di Cristina "botox" Fernández de Kirchner e' in calo dovuto anche ai suoi strani rapporti con il dittatore pazzo di Caracas, Hugo "el payaso" Chavez.
Ci fosse la Thatcher al potere....

Un ragazzo e il suo gallo

Un ragazzo indonesiano spruzza il suo gallo per rinfrescarlo.

Climategate: Aggiornamento


Due notizie che ancora una volta confermano la truffa del riscaldamento globale, il gigantesco inganno perpetrato dai mass media, dalle false affermazioni di "pseudoscienziati" e dai politici politically correct, o come viene adesso chiamato, cambiamento climatico, cosi da potere includere nella truffa qualsiasi fenomeno naturale...

L'innalzamento del livello dei mari? Tutte balle.
Leggi

Czechgate: Il Global Historical Climatology Network (GHCN) censura i dati climatici provenienti dall Repubblica Ceca perche' dimostrano che negli ultimi 200 anni non c'e' stato nessun riscaldamento della temperatura in Europa.
leggi

Cinesi

Guardando la foto, 1,000 Euro a chi risponde a queste domande:
1. Quale studente appare stanco/addormentato?
2. Quali sono gemelli?
3. Quali sono gemelle?
4. Quante donne nel gruppo?
5. Chi ha appena finito di fumarsi una canna?

Mugabe compie gli anni e la Cina spende $500,000 per festeggiarlo

L'anno scorso il festino costo' $300,000 e furono consumati: 200kg di gamberoni; 8,000 aragoste; 4,000 porzioni di caviale; 3,000 anitre; 8,000 scatole di Ferrero Rocher; un dolce di 85kg; il tutto innaffiato con 2,000 bottiglie di champagne Moët & Chandon e '61 Bollinger...
In un paese dove la gente muore di fame.
La buona notizia e' che l'Hitler africano ha gia' un piede nella tomba.
Tic-Toc-Tic-Toc.....

22 febbraio 2010

Qualche vecchia pubblicita'...

E molto poco politically correct...





Come manipolare l'informazione

La foto di mezzo ritrae la realta'
A sinistra come viene manipolata dai giornali di centrosinistra liberali, a destra da quelli conservatori.

Soros: Futuro dell'Euro incerto, anche se si salva la Grecia.


L'articolo

Bud Light Commercial. The Housekeeping Maid.

La tempesta

“Passata è la tempesta.
Odo augelli far festa e la gallina
Tornata in su la via
Che ripete il suo verso”.

Così scriveva il Leopardi nel suo “La quiete dopo la tempesta”. Oggi si ha l’impressione che molti ritengano che la grave tempesta che ha colpito due anni fa l’economia mondiale sia passata e si sentono dappertutto canti di gioia. Gli augelli (i banchieri e finanzieri) fanno festa e sono tornati alle antiche abitudini: operazioni speculative, bonus milionari e simili piacevolezze; le galline (i governi e gli economisti) ripetono il loro verso, affermando che ormai siamo fuori dai guai. Ma è vero od è soltanto una illusione o peggio ancora una bugia più o meno pietosa o interessata?
Per potersi fare un’idea della situazione, al di là delle contraddittorie notizie e dei commenti più o meno interessati, e senza voler dare giudizi per i quali non abbiamo alcun titolo, vale la pena di riflettere su alcune cifre.
Innanzi tutto si deve considerare a che livello si prevede che nel 2010 salirà il debito pubblico dei singoli stati, che sono intervenuti pesantemente per aiutare banche, istituzioni finanziarie ed aziende:
Italia 127%
Grecia 112%
Stati Uniti 97%
Francia 94%
Regno Unito 89%
Germania 84%
Come si vede tutti i paesi della zona UE sono ben al di sopra di quanto previsto dagli accordi di Maastricht. E’ prevedibile che ciò potrà provocare, ai primi accenni di ripresa, una ondata di inflazione generalizzata ed un verosimile aumento dei tassi con gravi conseguenze non solo sui bilanci statali, ma anche sulle possibilità stesse di ripresa. Non sarà migliore, ovviamente, la situazione degli Stati Uniti.
Va ricordato anche che, sempre per il 2010, si prevede che i deficit pubblici dei singoli paesi UE saranno tutti superiori a quanto consentito dagli accordi di Maastricht (3% del PIL), tutti compresi fra il 4,5% della Svezia ed il 14% del Regno Unito. Gli Stati Uniti dovrebbero superare l’11%. Tutto ciò rischia di provocare una paralisi degli investimenti pubblici infrastrutturali, con serie conseguenze, anche in questo caso, per la ripresa.
Un ragionamento simile va fatto per quanto riguarda i livelli di disoccupazione, che varieranno fra l’8,5% previsto per l’Italia fino al 19% previsto per la Spagna. Va rilevato, per completezza di informazione, che il virtuoso dato dell’Italia appare migliore di quanto in realtà sia la situazione, in quanto fortunatamente nel nostro paese esiste la Cassa Integrazione, che consente di far figurare come formalmente occupati dei lavoratori che in realtà costituiscono una massa di lavoratori momentaneamente senza occupazione.
Degli eventuali cenni di ripresa verosimilmente non produrranno un immediato impatto sulla occupazione, in quanto in prima battuta usciranno dalla cassa integrazione i lavoratori oggi in situazione di attesa, e d’altra parte le aziende cercheranno, per quanto possibile, di aumentare le proprie produzioni, per far fronte ad un eventuale aumento della domanda, più che con l’impiego di nuova manodopera piuttosto migliorando le proprie tecnologie, attraverso opportuni investimenti o addirittura spostando altrove i propri centri produttivi.
Se quindi da un lato il settore pubblico non sarà in grado di riprendere gli investimenti a causa degli eccessivi deficit di bilancio, né vorrà o potrà provvedere, in stato di crisi, ad una seria riorganizzazione interna, e dall’altro non sarà possibile prevedere un significativo aumento dell’occupazione interna, ci si domanda come potrà verificarsi un tale aumento della domanda, sia essa interna od internazionale, in grado di innescare una seria ripresa.
In definitiva sembra che l’economia mondiale sia entrata in un circolo vizioso: per aiutare le banche e le istituzioni finanziarie, oggettivamente responsabili della gravissima crisi, i governi hanno, con varie modalità, iniettato enormi masse di liquidità nel sistema, provocando in tal modo una quasi insostenibile situazione di deficit pubblici, che a loro volta rischiano di frenare ogni possibilità di ripresa dell’economia e dell’occupazione. Esiste quindi il pericolo che, a fronte del perdurare della crisi, in varie parti ci si trovi a dover fronteggiare gravi problemi sociali, non limitati unicamente all’erogazione di sussidi ma addirittura a manifestazioni di piazza, sempre pericolose e di esito incerto.
E’ evidente che non ci si può augurare che queste previsioni pessimistiche siano smentite dai fatti e che le cose vadano meglio di quanto ci si potrebbe aspettare da una analisi non edulcorata della situazione oggettiva.
Il Bertoldo