09 marzo 2007

L' Alitalia deve morire

Ieri sono arrivato in Italia.
Il volo della KLM che mi ha portato fino ad Amsterdam è stato perfetto. Partenza in orario, aereo pulito, hostess anche carine, cibo decente, insomma 13 ore di volo piacevoli.
Arrivo all'aeroporto di Schiphol ad Amsterdam, un aeroporto pulito, efficiente, con segnalazioni chiare, e dove ogni anno transitano più di 45 milioni di passeggeri, per prendere la coincidenza per Roma.
E li comincia l'incubo.
Infatti la mia segretaria mi aveva prenotato sul volo Alitalia Amsterdam-Roma.
E gia’ stata licenziata.
Dopo un paio di ore di attesa m'incammino verso la porta d'imbarco numero B15 che era segnalata sui pannelli elettronici. Dopo 15 minuti di attesa, annunciano che la porta d'imbarco e' stata spostata dall'altra parte dell'aeroporto. Riparto verso la nuova porta d'imbarco, e li vedo che non non c'e' l'aereo. Questo a 5 minuti dalla partenza prevista. Dopo un'ennesima attesa ecco che arriva un vecchio, sporco e stanco aereo dell'Alitalia. Fanno scendere i passeggeri e dopo 15 minuti arriva anche il pilota, il copilota ed alcuni dei camerieri di bordo, (ooops scusate si chiamano assistenti di volo.) Si siedono in sala attesa a parlare, forte, a guardare le donne che passano, ci mancava solo qualche fischio e grattata di palle per completare questo magnifico quadro di italianita’.
A questo punto il volo aveva gia' 45 minuti di ritardo.
E aspetto; 10, 15, 30 minuti. Nessun annuncio per l'imbarco.
Finalmente il pilota e il suo equipaggio decidono di tornare a bordo.
Inizia l'imbarco. Solite stupidate di chiamare prima la business, poi le file da x a x perche' tanto nessuno rispetta mai niente e comincia la ressa di entrare dentro l'aereo. Mi avvio nel corridoio che porta all'aereo e....trovo la porta chiusa!
Si comincia a formare una lunga fila e un passeggero si mette a bussare! Finalmente dopo un paio di minuti si apre la porta. Entro ed ecco la scena. Tutti, dico tutti gli assistenti sono seduti in business a chiacchierare, e nessuno degna alzarsi a dare il benvenuto com'e solito fare anche sulle compagnie piu' schifose della terra.
Finisce l'imbarco dei passeggeri e di nuovo si aspetta altri 20 minuti. Noto un via vai di gente con delle liste in mano, poi cominciano a contare i passeggeri e finalmente, entra una che urlando dice in italiano "per cortesia controllate il vostro biglietto. Quelli con la sigla KLM davanti al numero di volo devono scendere dall'aereo sono ammessi solo quelli con scritto AZ" tutto questo mentre il pilota si era messo a fare un annuncio all'altoparlante. Ovviamente succede la solita baraonda perché meta' dei passeggeri sono giapponesi, inglesi, olandesi che di italiano capiscono ben poco. Gente che esce e che entra, insulti, scene da stadio, e il pilota che continua imperterrito a parlare e spiegare che il volo sara' di una durata di 1 ora e 50 minuti "circa".
Finalmente dopo piu' di 2 ore di ritardo si parte.
Arrivato a Roma, scendo dall'aereo in un pulman che mi porta al terminal dove come si aprono le porte, vengo praticamente assaltato da cani che cominciano ad abbaiare e sniffare tutti, con i poveri passeggeri giapponesi pietrificati dalla paura. Sembrava di entrare in un souk, la casba, sporcizia, caos, nessuna segnalazione, non si sa dove andare a prendere la valigie. Finalmente trovo il nastro corrispondente al volo, e li aspetto un’ora prima che mi venga consegnata la valigia.
E allora ho pensato ai turisti, agli stranieri che vengono nel mio paese per la prima volta. Ed e' questo lo spettacolo vergognoso che offriamo.
Welcome to Italy, welcome to the third world of europe.

12 commenti:

Thierry Meyer ha detto...

Bravo ! Tu as vraiment des talents de conteur. C'est a mourir de rire...

Ermete ha detto...

ma e' una cosa vera o stai scherzando?

il mango di Treviso ha detto...

vera verissima. Non ho mai visto una cosa simile. Da film comico.
Ancora ricordo una delle hostess che sembrava essersi svegliata 5 minuti prima del volo. Maleducata, cafona, sporca. Rovescia del faffe' sulle gambe di un uomo e neanche si scusa. Ma siamo arrivati a dei livelli di follia.

Abdul ha detto...

Caro il mio fascistello da quattro soldi e pure ignorante e burino, l'unica cosa che posso dirti è questa, è quello che persone come te si meritano ed è ancora poco, aspettati .. di molto peggio!

Un Cameriere di Bordo

il mango di Treviso ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
il mango di Treviso ha detto...

Caro Abdul,
Cosa c'entra il fascismo con l'Alitalia?
Comunque grazie per averci confermato con questo tuo commento "elegante" quello che tutti pensano degli assistenti di volo dell'Alitalia; siete arroganti ignoranti un branco di cafoni che si credono chissà che cosa e dovreste solo vergognarvi!.

Anonimo ha detto...

l'Alitalia continuerà a mangiare i tuoi soldi. Te lo ha confermato il tuo amico Silvio&Co nella precedente gestione. Al massimo la danno ad un amico dei due oligarchi, la spolpano, ci fanno insider trading selvaggio, prendendo per i fondelli i pesci piccoli, poi il botto. E via da capo! E per l'utente sarà solo peggio. Questi sono i risultati di una gestione del personale folle fatta di sola revisione del costo lavoro al ribasso e aumento dei carichi di lavoro. Sta avvenendo ovunque. Di che ci meravigliamo? Solo bastone e niente carota, si ha per quel si paga e di riflesso per quanto paghi il personale.....

Anonimo ha detto...

caro mango di treviso, è vero, alcuni miei colleghi (C.d.B.) sono impresentabili, come sono impresentabili gli assassini del buon senso come te. il malcostume arriva sempre dall'alto, chi ha buona volontà non sempre riesce a gestirlo ma di certo la gente come te, distruttiva e gonfia di pregiudizi gratuiti, consapevole (da buon italiota) che se strepita ottiene quasi sempre il bonus, merita il peggio. la domanda sorge spontanea: ma perché non te ne vai a vivere in olanda? scherzi a parte , una cosa è augurarsi un miglioramento dell'immagine offerta dal nostro Paese, anche attraverso la fu compagnia di bandiera, un'altra è auspicare il dramma di 100.000 famiglie (con l'indotto) anche perché, qualcuno potrebbe augurare la stessa cosa alla tua aziendina ed indirettamente alla tua famiglia: non ti farebbe certo piacere, specie se si avverasse l'augurio... e sarebbe di cattivo gusto! Armando Laporta.

cdb ha detto...

ma il mango di treviso si mangia con la buccia o senza?

cdb ha detto...

stavo per postare serio ma... non ne vale la pena.

il mango di Treviso ha detto...

Ma siete incredibili.
Voi rappresentate il paese. E invece siete la nostra vergogna. L'Alitalia deve essere chiusa , i sindacati che la controllano e i parassiti eliminati. Poi dopo sara' possibile fare qualchecosa. Ma finche' non cambia la mentalita' rimarrete solo una barzelletta

Anonimo ha detto...

Vergognati mango muori sei una merda la prossima volta vai a piedi invece di rompere i coglioni a chi lavora.
Sper che i soldi invece di spenderli in biglietti aerei li spenderai in medicine.