29 settembre 2009

Timori sui nuovi metodi utilizzati da Al Quaeda per attentati suicidi

Un mese fa, in Arabia Saudita, un terrorista ha tentato di uccidere il Ministro dell'Interno , Principe Mohammed bin Nayef, facendo esplodere una bomba che aveva inserito nel corpo per via rettale e che e' stata attivata con un cellulare.
Frank Gardner della BBC, spiega quali sono i timori delle agenzie antiterroristiche di fronte a questo nuovo metodo di attacco suicida.


1 commento:

Anonimo ha detto...

In parole povere si ficano una bomba nel culo e si fanno saltare in aria. Secondo me godono pure sti cammelli froci. Medievali. Bisogna ucciderli tutti.