22 dicembre 2011

Anita Ekberg, chiede aiuto


Anita Ekberg solo il 29 settembre scorso aveva spento le candeline dei suoi 80 anni nel letto di una clinica per lungodegenti dei Castelli Romani, tra tante vecchiette pronte a lamentarsi come a ridere. Ora, a soli due mesi da quella data, la richiesta di aiuto da parte del suo avvocato per lo stato di chiara indigenza di quell'icona di bellezza felliniana piena di giunonica accoglienza. La Fondazione Fellini di Rimini ha infatti ricevuto dal commercialista romano Massimo Morais, nominato dal Tribunale di Velletri amministratore di sostegno della Ekberg, un'accorata lettera per chiedere un aiuto economico per l'attrice. La Ekberg, che risiede in una casa di cura dei Castelli Romani, e' infatti affetta dai postumi di una frattura al femore che la rende non piu' autonoma.
Strano destino per una delle donna piu' belle del mondo che si ritrova a ottanta anni sola e senza figli. Una donna che aveva avuto tutto, due mariti e, a seguire, anche una proposta di matrimonio da un molto coinvolto Frank Sinatra e flirt con Gianni Agnelli e Dino Risi. Il commercialista Morais ricorda inoltre nella lettera come la Ekberg sia stata ultimamente vittima di un furto di gioielli e di mobili e come la sua abitazione sia stata danneggiata da un incendio. Lei vorrebbe tornare a casa, ma le sue condizioni economiche sono assai precarie e non puo' sostenere le spese di ristrutturazione dell'immobile. Non ha parenti ed e' sola. La richiesta alla Fondazione riminese, scrive sempre Morais, ''e' perche' voglia condividere con altri benefattori la possibilita', anche modesta, di aiutare una brava attrice, veramente meritevole di ogni bene. Un piccolo presente e' sempre un grande dono''.
L'ex vincitrice del concorso Miss Svezia nel 1950, resa famosa in tutto il mondo per i suo disinvolto bagno nella fontana di Trevi insieme ad un adorante Marcello Mastroianni, sembra seguire un po' il destino di tante star di successo che, dopo la bellezza e il denaro piombano in un'inaspettata poverta'. Per fare solo un recente esempio la richiesta della legge Bacchelli da parte di Laura Antonelli, settanta anni appena compiuti. Anche lei una bellissima del cinema ora in evidente stato di indigenza. Una donna, ex sex diva di Malizia, che ora dice di sentirsi ''delusa e di volere solo una torta''.
Via Ansa

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Dispiace umanamente... ma: tutti i soldi che le sono passati in mano, DOVE SONO?
Preferisco aiutare chi non ha mai avuto nulla.
Saluti!

PS: l'Antonelli poteva evitare di pipparsi chili di cocaina... non sarebbe indigente, ora!

Il Mango ha detto...

Esatto.

Anonimo ha detto...

Concordo con anonimo: ha vissuto da cicala invece di fare la formichina ed ora, che si attacchi!